RABOSO BELLESE 2016, RITMO IN BOTTIGLIA

Bellussera
La Bellussera

L’azienda Bellese sorge là dove il Piave mormorava, sfiorata dal Fosso Negrisia, un corso d’acqua d’origine sorgiva, influenzato dal grande “Fiume Sacro alla Patria”, teatro dei combattimenti della I guerra mondiale.
Questa la storia più antica, mentre quella più recente risale agli anni ’60, quando Ireno decide di affiancare all’allevamento dei bachi da seta dei filari d’uva: accanto ha il figlio Giacomo, che lo aiuta a vendere il vino al minuto.
Con il nuovo millennio subentra il nipote Enzo, che avvia la fase di rinnovamento dei vigneti, della cantina e della gestione aziendale. “E’ la modernità bellezza e nessuno ci può fare niente”, mi viene da dire parafrasando Humphrey Bogart nel film L’ultima minaccia di Richard Brooks. Citazione perfettamente calzante allo spirito dei nostri tempi enologici, che anche i Bellese hanno seguito, riuscendo però a coniugare al meglio tradizione contadina e tecnologia. Non a caso oggi Giacomo, sua moglie Silvana, Enzo e la consorte Désirée fanno parte della Fivi, la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti. Il che vuol dire che coltivano, vinificano e imbottigliano direttamente con grande cura e passione.

Enzo e Desiree nel 2016 al Mercato dei vini di Piacenza
Enzo e Désirée nel 2016 al Mercato dei vini di Piacenza

E il risultato si vede in bottiglia, perché i loro vini sono la schietta espressione di quello che la pianura plavense può offrire su una superficie vitata non molto grande, ma con una bella varietà di terreni; il che ha permesso di coltivare alcuni vitigni, tra cui Pinot Grigio, Cabernet Sauvignon e Chardonnay, ma anche Refosco, Glera (l’uva del Prosecco) e Raboso Piave, un autoctono robusto e asprigno, figlio delle “grave”, letti ghiaiosi e ciottolosi dono delle frequenti alluvioni del Piave.
Ecco spiegato perché questo Raboso lgt Veneto mi ha fatto sobbalzare all’assaggio. Ottenuto da uve allevate a Bellussera (antico, quasi estinto, sistema di coltivazione nato in Veneto alla fine dell’800, per cui il paesaggio appare ricamato da tanti raggi) sono raccolte a mano, diraspate e macerate un po’ (4-5 giorni) sulle bucce. Il resto lo fa una pressatura soffice e una fermentazione controllata in acciaio; affinato 60 giorni in cemento, una volta leggermente filtrato, il vino va di nuovo in acciaio per la presa di spuma secondo il metodo Martinotti.
Passano almeno due mesi, prima che lo si possa bere. Ma vale la pena di aspettare per sentire l’odore della frutta rossa fresca, vedere il suo rubino cristallino e assaporare la marasca, la violetta e la mora selvatica che assalgono il palato assieme a una grande vivacità. Con i suoi oltre 11 gradi di alcol, è perfetto con salumi e formaggi, ma anche – almeno per me – con un cacciucco o dei moscardini in umido. Va bevuto sui 10°-12° C, ascoltando il sound pop latino Boa Sorte/Good Luck di Vanessa Da Mata & Ben Harper.

Clara Ippolito

www.vinibellese.com

Credits: Azienda Bellese

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...