A PROPOSITO DI OLIO DI SEMI DI GIRASOLE ALTO OLEICO. LA PAROLA A MAURIZIO DEL MINISTRO

Un campo di girasoli
Un campo di girasoli

Il panorama oleario italiano si allarga sempre più, arricchendosi di prodotti che aprono nuovi orizzonti, come l’olio di semi di girasole alto oleico, ottenuto per spremitura meccanica, senza fare uso di solventi e senza ricorrere alla raffinazione per standardizzare il sapore e rimuovere certe sue peculiarità intrinseche. Maurizio del Ministro, Direttore della Società Cooperativa Strizzaisemi, ci parla in particolare di quello prodotto dal Consorzio che ha sede a Santa Luce, in provincia di Pisa.

Il Consorzio Strizzaisemi nasce nel 2010. Quanti sono i soci che conta?
Oggi sono una ventina, prevalentemente appartenenti alla provincia di Livorno, Pisa e Grosseto; fra questi ci sono anche delle altre cooperative. Gli associati coltivano prevalentemente seminativi, cereali e girasoli con approccio sia tradizionale sia biologico.

Maurizio Del Ministro, Presidente del Consorzio Strizzaisemi
Maurizio Del Ministro, Presidente del Consorzio Strizzaisemi

Voi producete farine, paste e oli, in particolare quello di semi di girasole alto oleico, una tipologia ricca di proprietà nutritive: quali le strategie adottate per farlo conoscere?
Vendiamo olio di semi di girasole alto oleico da poco più di un anno. In questo periodo abbiamo promosso dei convegni per diffonderne la conoscenza, cosa che è servita anche a noi che lo lavoriamo per migliorarlo sempre più.

Pubblicità dell’olio di semi di girasole alto oleico Strizzaisemi
Pubblicità dell’olio di semi di girasole alto oleico Strizzaisemi

In che cosa si differenzia il vostro alto oleico dagli altri oli del genere?
Quelli in commercio generalmente subiscono una spremitura a caldo con solventi come l’esano, un derivato del petrolio, le cui tracce si trovano anche nel prodotto finale. Inoltre, viene praticata la degommazione, la raffinazione (o neutralizzazione), la decolorazione, la deodorazione e l’idrogenazione. L’olio di semi di girasole alto oleico Strizzaisemi, invece, non subisce nulla di tutto questo, ma viene soltanto filtrato meccanicamente a freddo per togliere le impurità. Perciò, mantiene il suo colore e le sue proprietà nutritive, soprattutto l’alto contenuto di vitamina E: parliamo di 80 mg su 100g di prodotto, per cui ne bastano 2 o 3 cucchiaini al giorno per coprire il fabbisogno giornaliero di un adulto. E consideriamo che la vitamina E sintetica viene assorbita solo per il 10%, mentre quella naturale interamente.

L’olio di girasole alto oleico vergine ha particolari caratteristiche sia al naso sia al palato che potrebbero suscitare una certa qual diffidenza nei consumatori che non vi sono abituati.

Sì, alcuni consumatori non sono avezzi agli oli di semi “veri”; quindi, magari, si può iniziare usandolo insieme all’olio di oliva. In ogni caso è ottimo per saltare le verdure, per gli arrosti e ancor più per le fritture, che risultano molto più digeribili.

Dove si può trovare e quanto costa al litro?
Al pubblico costa sui 2,50 € al litro. In Toscana si trova da noi e in molti punti vendita, in alcune Conad e da Zona Market; sta andando molto bene in Puglia, Piemonte, Marche e Abruzzo, considerando che siamo partiti da poco con qualche promozione, ma confidiamo di allargare presto la diffusione ad altre regioni.

Vari formati e contenitori dell’olio di semi di girasole Strizzaisemi
Vari formati e contenitori dell’olio di semi di girasole Strizzaisemi

Producete altre tipologie di oli di semi oltre a quello di girasole alto oleico?
Facciamo olio di lino e fra un po’ inizieremo con quello di cartamo alto oleico, nel quale credo moltissimo.

Avete proposto ad alcuni chef di usare il vostro olio di semi di girasole alto oleico. Quali riscontri avete avuto?
I risultati sono stati disomogenei, anche perché spesso la ristorazione cerca materia prima super economica. Soprattutto, però, credo che non tutti vogliano mettersi in gioco con prodotti nuovi, sapori forti e antichi, come quello del nostro olio di semi di girasole alto oleico Strizzaisemi.

Clara Ippolito

www.strizzaisemi.it

Credits: Strizzaisemi – Fiorenzo Rosellini

 

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...