LEARDINI, DISTILLERIA LIQUORI DAL 1958

Liquori Leardini
I Liquori Leardini

C’è un che di mistico nei liquori Leardini, Distilleria artigianale dal 1958: si avverte respirandone il profumo e ascoltandone il liquido racconto sul palato. Sarà che c’è di mezzo San Leo, borgo del riminese celebre per lo storico passaggio di San Francesco, luogo dove inizia la storia di Domenico, capostipite di questa produzione virtuosa; ma anche Affile, paese in provincia di Roma legato al primo miracolo di San Benedetto, borgo antico in cui oggi opera Mauro Leardini, erede della tradizione familiare.
A confermare quest’inebriante sensazione due imperativi categorici, fondamenti della filosofia di un laboratorio sui generis, in cui sapienza e natura formano un binomio inscindibile. Prima di tutto il Silenzio: valore estinto da un mondo assordante, virtù che si fa velo misterioso a protezione della “sostanza” che matura, tenendola a riparo dalla banalità di tanti prodotti senza patria e senza famiglia, mentre si trasforma in un unicum di sapori.

L'antico mortaio usato dalla Distilleria Leardini
L’antico mortaio usato dalla Distilleria Leardini

E poi c’è il Tempo, che scivola lento, prezioso complice che trascorre inesorabile, mai vano, colonna portante di un lavoro infaticabile che conduce alla fugacità dell’assaggio: attimi di gloria gustativa, reiterati nel bicchiere, impatto emozionale impresso nel data base dei ricordi da questi distillati fuori del comune.
Perché è ad Affile, in un dedalo di vicoli secolari, che risiede il genius loci dei liquori e degli amari Leardini, realizzati con i metodi dei monaci benedettini da un uomo di buona volontà produttiva, fedele alla tradizione liquoristica per cui le erbe, in base alle diverse ricette, vanno pestate, frantumate e miscelate nell’antico mortaio di bronzo, il più storicamente usato, forgiato nelle botteghe d’Europa sullo stampo delle campane in miniatura.

Laboratorio delle Distilleria Leardini
Il Laboratorio delle Distilleria Leardini

Strumento che permette agli ingredienti odorosi di mantenere l’intensità dei loro aromi oltre che i benefici effetti, trasposti nell’Ariminum, nel Barruell, nello Zethus e nell’Eremus. Un poker di ammalianti elisir dai nomi suggestivi: fascinazione dei sensi, vera epopea del gusto in bottiglia, di cui vi dirò con dovizia di particolari domani.

Clara Ippolito

www.leardiniliquori.com

Credits: Leardini Distilleria Liquori dal 1958

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...