UN FIORE PER DUE, IL DESSERT DI ALESSANDRO BREDA CHE FA BENE ALL’AMORE

Un fiore per due è il dessert ideato da Alessandro Breda del Ristorante Gellius di Oderzo (in provincia di Treviso) per la cena di San Valentino. Una ricetta deliziosa che il talentuoso chef stellato ha voluto condividere con noi di DiCoppa&DiColtello, perché è un dolce che fa bene sia al palato sia al cuore.

Lo chef stellato Alessandro Breda del ristorante stellato Gellius di Oderzo (in provincia di Treviso)
Lo chef stellato Alessandro Breda del ristorante stellato Gellius di Oderzo (in provincia di Treviso)

Ingredienti

Per il cremino di mascarpone

  • 250 g di mascarpone
  • 125 g di panna fresca
  • 100 g di zucchero
  • 1 bacca di vaniglia
  • 10 g di colla di pesce
  • 375 g di panna semi-montata

Per la meringa

  • 100 g di albume
  • 100 g di zucchero semolato
  • 100 g di zucchero a velo

Per il ripieno liquido

  • 200 g di lamponi
  • 40 g di zucchero
  • 2 g di colla di pesce

Inoltre

  • 300 g di panna fresca
  • burro di cacao rosso
  • lamponi freschi
Lamponi freschi
Lamponi freschi

Preparazione di Un fiore per due

Gellius San Valentino
In una casseruola cuocete i lamponi con lo zucchero per un paio di minuti; quindi, frullate, filtrate e incorporate la colla di pesce. Versate il tutto in stampi sferici e congelate. A parte scaldate a 60°C il mascarpone, lo zucchero, la panna fresca e la bacca di vaniglia: unite la colla di pesce ammollata e frullate.
Una volta che il tutto sarà giunto alla temperatura di 30°C, aggiungete la panna montata e versate negli stampi a forma di rosa, ponete all’interno la sfera di lampone e abbattete per almeno 12 ore. Sformate e tenete in frigo. Poi, montate l’albume con lo zucchero semolato versato poco per volta e, quando la massa sarà ben ferma, aggiungete pian piano lo zucchero a velo. Stendete in una placca e seccate al forno a 80°C per 12 ore, sbriciolandola tutta a pezzettini.
Montate 300 grammi di panna fresca, aggiungete 200 grammi di meringa e formate sui piatti con l’aiuto di un cerchio uno strato di meringata fresca alto un centimetro. Adagiatevi sopra la rosa, spruzzata con il burro di cacao rosso, quindi guarnite con dei lamponi freschi.

Alessandro Breda – Clara Ippolito

www.ristorantegellius.it

Credits Studio Cru

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...