CARNE. COME IMPARARE A RICONOSCERNE LA QUALITÀ

Imparare a scegliere in autonomia la carne migliore si può. Come? Utilizzando i sensi. Questo è il messaggio che diffonde Il codice sensoriale della Carne di Manuela Violoni e Gian Paolo Braceschi (edito dal Centro Studi Assaggiatori, attivo dal 1990, in collaborazione con i Narratori del gusto): 75 pagine che insegnano a riconoscerne la qualità oltre che a sfatare tanti miti. Perché per “capirla” non basta guardarla, ma bisogna far in modo di riuscire a distinguerne da soli le caratteristiche, i diversi tagli, nonché sapere come cucinarli.

Vari tagli di carne
Vari tagli di carne

Elaborato in seguito a corsi e ricerche svolte con il movimento di assaggiatori di carne Istituto Italiano Assaggiatori CarneDe Gustibus Carnis, il volumetto vuol dare una risposta scientifica a tutti i meat lover, soprattutto in un momento in cui c’è parecchia confusione sulla qualità del prodotto, sulle certificazioni e su come riconoscerlo, al punto che nel dubbio di consumarlo male la gente ha iniziato a mangiarne meno.

Bistecca di manzo
Bistecca di manzo

Peraltro, finché il consumatore non smetterà di chiedere solo “una fettina” o “una bistecca”, senza nemmeno immaginare una fetta di reale o di costata e finché crederà che la scottona sia un taglio o che lo scamone sia un animale, non ci si potrà meravigliare se la carne comprata sarà a volte gommosa e a volte tenera.
A tutta quest’incertezza cerca di sopperire il libro, bilancio di un decennio di attività di ricerca, voluta da un gruppo di macellai, cui si sono nel tempo affiancati veterinari, ricercatori, cuochi, allevatori, appassionati assaggiatori e consumatori, i quali hanno voluto dotarsi di una formazione qualificata in analisi sensoriale e iniziare a capire se la qualità della carne sia distinguibile da chi la consuma e sia, conseguentemente, comunicabile da chi la vende. Lodevole proposito divenuto realtà cartacea, fruibile sia da tutti i buongustai navigati sia da gourmet neofiti.

Clara Ippolito

Il libro è acquistabile su https://shop.assaggiatori.com/

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...