VERMENTINO DOC VALCOLOMBA 2019 CARPINETO. IL MARE IN UN BICCHIERE

Il Maremma Toscana Vermentino Doc Valcolomba 2019 Carpineto è un vino fresco, di spiccata acidità, minerale, sapido, strettamente legato al territorio, di buona persistenza e spiccata piacevolezza. Questo l’identikit di un nettare ottenuto da uve raccolte esclusivamente a mano, diraspate, selezionate e delicatamente pigiate per dar via a una veloce macerazione a freddo sulle bucce ed estrarre aromi caratterizzanti.
Una volta decantato il mosto, inizia la lenta fermentazione a basse temperature con lieviti indigeni in vasche d’acciaio, dove rimane per poco più di sei mesi fino all’imbottigliamento. Di un bel giallo paglierino, con riflessi verdognoli, profuma di fiori di campo e fragranze di macchia mediterranea, mentre in bocca regala una spiccata acidità e le sapide note erbacee, che rimandano all’origine del nome del vitigno, cioè alla vermena, che significa ‘ramoscello’ o ‘filo d’erba’, rendendo il vino fresco ed equilibrato.
Ideale, grazie alla sua morbidezza, per una tavola estiva, con primi piatti a base di frutti di mare o secondi di pesce (all’acqua pazza ma anche alla griglia), va a braccetto pure con i crostacei data la sua spiccata versatilità e la piacevole bevibilità; il che lo rende perfetto anche come aperitivo in abbinamento a crudi, tapas marinare o formaggi freschi.
L’etichetta con la rosa dei venti non a caso rimanda a quell’andar per mare, in particolare sulla costa maremmana così accarezzata dal respiro di Eolo: un paradiso per gli amanti della nautica, surfisti in primis, dalla primavera a tutta l’estate. E, tanto per darvi una prova di quanto stia bene con il pesce, eccovi una ricetta di Marino Marchi, chef e patron del ristorante Il Veliero nei pressi della Marina di Scarlino, un acclarato classico della ristorazione della zona.

Picnic in spiaggia con il Vermentino Valcolomba Doc 2019 Carpineto
Picnic in spiaggia con il Vermentino Valcolomba Doc 2019 Carpineto

 

                                            ZUPPETTA DI PESCE SENZA LISCHE

Ingredienti per 4 persone

  • 1 kg di cozze
  • 1 kg di vongole
  • 1 kg di polpo di scoglio
  • 4 mazzancolle
  • 4 scampi
  • 4 calamari
  • 4 seppie
  • 8 fette di pane toscano
  • 1 scalogno
  • 2 spicchi d’aglio
  • 500 g di pomodori datterini ben maturi
  • prezzemolo, basilico
  • 1 dl di olio evo
  • 1 peperoncino

*Tutti i pesci devono essere di media grandezza

Zuppetta di pesce senza lische dello chef Marino Marchi del ristorante Il Veliero
Zuppetta di pesce senza lische dello chef Marino Marchi del ristorante Il Veliero

Preparazione della Zuppetta di pesce senza lische

Mettete in una casseruola l’olio evo con uno spicchio d’aglio e lo scalogno tritato finemente con il peperoncino; rosolate leggermente. Unite le teste dei gamberoni, i tentacoli dei calamari, la testa del polpo tagliata a listellarelle, i pomodorini ridotti in pezzetti e lasciate cuocere alcuni minuti; quindi, aggiungete tutto il resto del pesce tagliato a pezzi regolari, a secondo della specie utilizzata. Fate finire di cuocere lentamente, poi aggiungete il prezzemolo e il basilico tagliato finemente.
Tostate le fette di pane toscano in forno e aromatizzatele, sfregandole con uno spicchio d’aglio per accompagnare nel piatto al meglio la zuppetta.

Clara Ippolito

www.carpineto.com

Credits Carpineto – Marino Marchi

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...