MOLISEFOOD. AVANTI TUTTA

Il regista Gabriele Muccino e Ariana Rockefeller (stilista e pronipote di John D. Rockefeller, nonché fondatrice della Standard Oil) sono due dei personaggi nazionali e internazionali che hanno già mostrato di apprezzare – anche attraverso i canali social – i prodotti agroalimentari di MoliseFood. Buone notizie, dunque, per un progetto di promozionedella qualità enogastronomico-turistica finalizzato a far conoscere il Made in Molise, accompagnato anche da uno sviluppo occupazionale: possibilità che potrà dare una boccata d’ossigeno all’economia regionale e nazionale in questo periodo di emergenza sanitaria.

Caciocavallo molisano


Nato due anni fa, con il coinvolgimento di circa 20 aziende agricole, MoliseFood raccoglie un paniere di prodotti di eccellenze enogastronomiche e identitari della regione, nel cui piano di sviluppo sono previsti tre store aperti a Roma, con l’obiettivo di espandersi in Italia (Milano e Bologna), in Europa (già attivo un punto vendita in Spagna, a Siviglia) e negli Stati Uniti, senza dimenticare il mercato cinese, nel rispetto delle norme che regolano l’emergenza attuale.

In particolare, dopo Natale, è prevista anella Capitale l’apertura di un quarto punto vendita, nel borghese e aristocratico quartiere Parioli. all’insegna di un’offerta enogastronomica tutta nel segno della qualità. Lo scopo è quello di promuovere nel suo complesso i prodotti di un territorio montuoso italiano con un tratto di costa affacciato sul Mar Adriatico, comprensivo di una parte del Parco nazionale d’Abruzzo. Grazie alla collaborazione attivata con la piattaforma Eatit, le proposte comprendono delizie quali caciocavalli, salsicce, tartufo, papanella, vino, olio, alimenti che hanno fatto la storia del territorio molisano.
“Tutto sta andando nella direzione del commercio elettronico o delle consegne con il drone e degli acquisti isolati e freddi; una delle chiavi del progetto MoliseFood è, invece, la riumanizzazione della vendita”, afferma Francesco Caterina, direttore generale di MoliseFood. “Il personale è formato, difatti, per spiegare, informare, consigliare e accompagnare il cliente attraverso un’educazione alimentare, spiegando come e perché mangiare sano e conoscere la filiera produttiva sia indispensabile”. Perché il food si vende (meglio) soprattutto guardandolo, odorandolo e assaggiandolo dal vivo.

Clara Ippolito

www.molisefood.com

Credits MoliseFood

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...