ALLE ORIGINI DELL’AGLIANICO CON IL VCR 421 ANTONIO MASTROBERARDINO

È una storia che parte da lontano. Già nel 75 d.C. nella Naturalis Historia di Plinio si trovano, infatti, notizie dell’Aglianico, un vitigno che arriva fino ai giorni nostri con vari successi; tante le tappe di una vite di probabile origine greca, considerata tra le più pregiate della Penisola.
Un fortunato cammino, cui si aggiunge il recentissimo inserimento nel Registro Nazionale delle Varietà di Vite (Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 2021) del clone dalla genesi prefillosserica denominato VCR 421 Antonio Mastroberardino.

Bottiglia di Redimore Irpinia Aglianico Doc

Motivo di grande soddisfazione per Piero Mastroberardino – decima generazione alla guida della prestigiosa azienda vinicola irpina – coronamento del lungo lavoro di suo padre Antonio che, come dice il produttore, “per anni ha portato avanti un progetto ambizioso con l’obiettivo di recuperare le caratteristiche originarie dei vitigni storici della Campania Felix; le quali, per opera dell’uomo e delle scelte produttive di replicazione del materiale genetico, nel corso dei decenni sono andate lentamente mutando”.
Un’impresa di grande valore quella svolta da Antonio Mastroberardino, che indusse Hugh Johnson, una delle più prestigiose firme della letteratura enoica, a definirlo “The Grape Archeologist”, ovvero l’archeologo della viticoltura. Era, infatti, il 1989 quando il vignaiolo campano era già impegnato in un’incessante attività di ricerca relativa non soltanto all’Aglianico, ma anche agli altri grandi vitigni del territorio come il Greco e il Fiano.
Agli inizi del nuovo millennio poi l’azienda avvia una collaborazione con i Vivai Cooperativi Rauscedo per individuare, classificare e registrare antichi cloni di Aglianico sopravvissuti alla fillossera. “È un vero e proprio viaggio nel tempo”, afferma Piero Mastroberardino, “che ha visto in questo riconoscimento ufficiale non la tappa finale ma solo un fondamentale punto di svolta: Redimore Irpinia Aglianico DOC è, perciò, il primo frutto della vinificazione in purezza di quest’antico clone riportato alla luce”. Una traccia importante che prosegue nel solco di un lavoro di ricerca e sperimentazione riguardanti le radici della viticoltura campana.

Clara Ippolito

www.mastroberardino.com

Credits Mastroberardino

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...