50 TOP PIZZA USA 2021

L’America, dopo l’Italia, è la nazione dove nei decenni più si è affermato il fenomeno pizza. Anche per questo la più importante guida di settore, online e fruibile gratuitamente, ha stilato un’apposita classifica in cui, come d’abitudine, sono presenti, dalla prima alla 50esima posizione, le migliori pizzerie d’oltreoceano.

Al primo posto di 50 Top USA 2021 – Prosecco DOC Award, c’è Tony’s Pizza Napoletana, insegna di San Francisco (California) del maestro pizzaiolo Tony Gemignani. Il nome di Napoli, patria della pizza, risuona peraltro nell’intero podio (e non solo): infatti, al secondo posto c’è Una Pizza Napoletana, situata ad Atlantic Highlands, nello stato del New Jersey, dove opera Anthony Mangieri,seguito a ruota da Spacca Napoli Pizzeria di Chicago (Illinois), dove a presiedere il forno è Jonathan Goldsmith. In quarta posizione compare Ribalta, sorta di ambasciata del gusto italiano a New York diretta da Rosario Procino e Pasquale Cozzolino. Al quinto gradino della classifica si è piazzata, invece, la pizzeria di Dan Richer Razza Pizza Artigianale di Jersey City (New Jersey).

Jonathan Goldsmith, al terzo posto di 50 Top Pizza USA 2021

E, sebbene le 50 insegne siano distribuite in molti degli stati americani (Hawaii comprese), la maggior parte dei locali è situata lungo le due coste; in particolare, la città più rappresentata è New York, con ben 11 pizzerie presenti nel ranking. La Grande Mela può essere considerata a tutti gli effetti, perciò, la capitale della pizza made in USA. A quota 6 c’è Chicago, altro luogo con una lunga tradizione alle spalle, e poi San Francisco con 5; staccate, con 2, Los Angeles e Portland.
Si tratta di una classifica che è espressione del lungo lavoro degli ispettori di 50 Top Pizza i quali, per un intero anno, hanno esaminato un enorme numero di pizzerie dislocate in tutto il Paese, rispettando sempre la forma dell’anonimato, così come da policy della guida.
Sotto la lente di ingrandimento in primis la qualità dell’impasto e degli ingredienti usati come topping, il servizio, le carte dei vini e delle birre e, in generale, l’insieme delle attenzioni nei confronti del cliente. Laddove, per motivi legati all’emergenza sanitaria, non sia stato possibile visitare il locale in presenza, è stato preso in esame il delivery, anche in questo caso con la regola dell’anonimato. La guida è stata curata da Barbara Guerra, Luciano Pignataro e Albert Sapere, partner dell’iniziativa il Consorzio di Tutela del Prosecco DOC.

Clara Ippolito

www.50toppizza.it

Credits 50 Top Pizza

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...