ROMA DOCET, UN PROGETTO CHE RACCONTA IL VINO AI GIOVANI

La cornice è stata quella prestigiosa dell’Aula Moscati dell’Università degli Studi di Tor Vergata, l’introduzione sul binomio vino-Urbe quella del Professore Ernesto Di Renzo, docente di Antropologia del Gusto, il promotore invece il Consorzio di Tutela Vini Roma DOC. Questi gli attori principali della tavola rotonda “Dalla Roma Caput Vini alla Roma DOC”, un viaggio attraverso i millenni durante il quale è emerso il ruolo fondamentale che il vino ha sempre avuto nella storia di Roma. Così, di fronte a una vasta platea, composta da studenti e docenti, giornalisti e addetti ai lavori, si è tenuto a battesimo il Progetto Roma DOCet che caratterizzerà diversi appuntamenti del calendario 2023 messo a punto dal Consorzio di Tutela Vini Roma DOC.  

La tavola rotonda “Dalla Roma Caput Vini alla Roma Doc”.

“Per il nostro ateneo è un piacere confermare il legame che si è venuto a creare con il Consorzio Roma DOC, che ci offre tra l’altro l’opportunità di fornire esperienze dirette ai nostri studenti, in particolare a coloro che frequentano il Corso di Laurea in Scienze del Turismo e di Turismo Enogastronomico”, ha spiegato Di Renzo. Raccontare loro i mille significati che il vino ha nella storia dell’uomo non è, dunque, soltanto utile materiale di studio, ma anche un indispensabile viatico per un consumo consapevole del vino stesso”. L’incontro, moderato da Stefano Carboni, docente del corso Sociologia dei Comportamenti e dei Consumi Alimentari, ha visto intervenire anche Sabrina Alfonsi (Assessore Agricoltura e Ambiente del Comune di Roma), Claudio Di Giovannantonio (Arsial), Michela Irione (Vini Buoni d’Italia) e Tullio Galassini (Presidente Consorzio Roma DOC).

Degustazione dei vini Roma Doc

Peraltro, la Roma DOC ha sicuramente non solo l’ambizione ma anche tutte le possibilità per diventare uno dei biglietti da visita più rappresentativi della Capitale, dato messo in evidenza da Claudio Di Giovannantonio, dirigente ARSIAL intervenuto rivolgendosi agli studenti presenti con un appello a investire i loro talenti e il loro impegno nel settore legato al turismo enogastronomico che richiede, sempre più, giovani energie e professionalità con un alto tasso di specializzazione.
In questo solco si colloca l’obiettivo didattico del Consorzio che non promuove solo le etichette del territorio, assolvendo le sue varie funzioni, ma educa e narra il vino come trait d’union tra storia, cultura e società; mission incarnata dalla collaborazione con l’ateneo romano di Tor Vergata oltre che con le istituzioni, un’opportunità da non perdere, come ha sottolineato l’Assessore Alfonsi, che ha ribadito quanto puntare su una proposta vino-prodotti-cucina rappresenti per il Comune di Roma un must irrinunciabile, il driver per un turismo sempre più qualitativo con permanenze medie degne della Città Eterna.

Clara Ippolito

http://www.vinidocroma.it/

Credits Consorzio di Tutela Roma Doc

Autore: dicoppaedicoltello

È tutta colpa del Galateo di Giovanni della Casa, se poi sono diventata una giornalista enogastronomica. Quella tesi di laurea, infatti, mi fece da apripista. Mettiamoci pure, poi, che ho scritto parecchio sul linguaggio della tavola per la Treccani, che ho lavorato per il glorioso Paese Sera, per il Gambero Rosso, Horeca Magazine, Saporie.com, Julienne ed Excellence Magazine. E per non farmi mancare nulla sono stata anche caporedattore di Gusto Magazine e poi direttore di Torte. Insomma, per non farla troppo lunga è un po’ di tempo che parlo di cibo e di vino: da quattro anni anche sulle pagine del magazine italo-tedesco Buongiorno Italia e ora sul mio sito DiCoppa&DiColtello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...